IL QUADRO ITALIANO CHE DEPURA LA CASA

sanvalentino1

Costa poco più di 190 euro un rivoluzionario depuratore domestico, inventato da una start up italiana su brevetto di Gianmarco Cammi, che altro non è se non un quadro il cui tessuto ha efficacissime proprietà filtranti dell’aria inquinata. Si chiama The Breath, è di proprietà di Anemotech e si acquista solo su Internet, sul sito di e-commerce shop.thebreath.it. Sul sito viene richiesto di scegliere innazitutto il formato, il soggetto del quadro e la cornice. Quindi si procede al pagamento. Il tutto verrà consegnato in tempi rapidi a domicilio. La tecnologia è a impatto zero poiché il principio depurante, che si basa su una cartuccia carbonica, non richiede nessun collegamento elettrico; sfrutta infatti il movimento naturale dell’aria per filtrarla e abbattere circa il 90% degli inquinanti a partire dalla dannosa formaldeide presente nell’arredamento, nelle vernci e in molte altre sostanze. Abbatte l’80% degli ossidi di azoto e di zolfo e in generali i COV, composti organici volatili.Dopo due anni di incubazione e un investimento di 500mila euro per testare le prestazioni nella realtà degli ambienti, The Breath è ora in rampa di lancio. Il tessuto multistrato di cui è costituito il quadro garantisce performances sostenibili per un anno riducendo l’inquinamento di circa il 20%. Il tessuto, infatti, attira le molecole inquinanti nella propria struttura carbonica costituita da nanomolecole e può farlo sia all’interno che all’esterno degli edifici. Umberto Veronesi aveva dato il suo assenso e la sua approvazione al progetto, sostenuto anche da Legambiente, poiché può contribuire ad una importante azione di prevenzione necessaria per ridurre i fattori che causano l’insorgere dei tumori. E l’inquinamento dell’aria ne costituisce proprio una delle più pericolose e crescenti cause.

Share Button

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>