La Dyson taglia 900 posti di lavoro, 600 dei quali in Inghilterra

Dyson taglia 900 posti di lavoro a livello globale ma la maggioranza, oltre 600, sono dipendenti del ramo di attività nel Regno Unito. La causa è la crisi mondiale delle vendite a seguito della pandemia del coronavirus. ”Dobbiamo accelerare la ristrutturazione-ha dichiarato la società che da anni ha delocalizzato in Asia la produzione-i nostri dipendenti sono in totale 14mila e di questi 4mila in Inghilterra. La crisi attuale ha accelerato i cambiamenti del mercato e di conseguenza dovremo anche noi adeguarci”. La maggior parte dei posti di lavoro andranno persi nei ruoli di vendita al dettaglio e servizio clienti, ha affermato la società. Secondo i colleghi inglesi, i tagli all’occupazione sdono solo agli inizi. Delocalizzare non salva più, in caso di cris, nessuno. Anzi, si perdono, in patria competenze specialistiche che mai più potranno essere recuperate.

Share Button

Lascia un commento