Trump protesta perché gli americani comprano vini europei. Sono migliori, con un record clamoroso di quelli italiani

 

 

Riceviamo da Statista un grafico estremamente significativo, gli interscambi di vino tra gli Stati Uniti e i principali paesi europei. L’argomento è stato suggerito ai ricercatori di Statista dal fatto che Trumpaccusa il mondo -questa volta la Francia e altri paesi produttori di vino-di invadere il Paese con i loro prodotti e di ostacolare con dazi penalizzanti il made in Usa vitivinicolo. Statista sottolinea che l’amore dell’America per i vini europei è un affare a senso unico. Che premia -aggiungiamo noi – soprattutto l’Italia. Il problema non è che i vini americani sono penalizzati da ingiusti dazi ma che non sono  vini amati, ricercati, pregiati come quelli europei e italiani in particolare.Tutti sanno infatti che i nostri vini sono di un livello nettamente superiore a quelli americani e che i consumatori degli States li apprezzano, li vogliono, li comprano e li preferiscono ai “nativi”. E a proposito di export italiano, in questi mesi del 2018 e a seguito delle politiche promozionali degli anni passati,  oltre allo strepitoso successo mondiale di EXPO 2015, il food e il beverage italiani hanno avuto un ulteriore aumento delle vendite sui mercati mondiali. Oltre a ciò, anche il sistema-casa e ancor più il sistema-cucina italiani stanno registrando grazie a politiche promozionali attuate dalle aziende e dalle associazioni crescite molto importanti in quantità e qualità oltre ad un allargamento dei paesi importatori.

Share Button

Lascia un commento