Allarme mondiale, “i black bloc sono i nuovi delinquenti del web”

Si svolge ad agosto, a Las Vegas, DEF-CON, l’evento più importante al mondo sugli hacker, sulla cyber security e su come aziende, stati, istituzioni e privati si possono difendere contro la criminalità digitale; a dare i consigli più adatti e aggiornati sapete chi sono? Quasi tutti ex abilissimi hacker. Per ragioni collegate al mio mestiere di giornalista ne conosco alcuni, soprattutto alcuni tra gli organizzatori di questi eventi come DEF-CON. Questi sono diventati consulenti strapagati da clienti ai quali hanno estorto, a suo tempo, quando erano hacker, cifre colossali con i ransomware e inferto danni enormi con i le loro incursioni maledette. Hacker pentiti? Ma no, ho sempre avuto dei dubbi su questi pentimenti, e credo che si tratti del brutale fascino del “dané”, del Dio Dollaro. Ora mi è venuto in mente, dopo aver letto un recente articolo dell’informatissimo Paolo Berizzi su La Repubblica, che era il caso di sentirli perché Berizzi racconta come i Black Bloc sono diventanti e diventano hacker pericolosi, e come accade quando si scatenano, resta misterioso un inequivocabile dato di fatto: vengono da ogni angolo d’Europa, del mondo, in Usa da ogni Stato, e nessuno -delle forze dell’ordine-li contrasta, anzi, vi sono prove foto, video e testimonianze, che li lasciano del tutto liberi. Del tutto liberi, chiaro? Uno degli hacker americani, inglesi e francesi con i quali ho parlato -non su Internet ma di persona-mi ha dato queste preoccupanti informazioni, ponendomi anche imbarazzanti domande.Con sarcasmo.

“Conosciano quello che era accaduto a Genova, nel 2001. E altre cose che sono accadute. Si erano organizzati usando il web, il telefono, le mail e potevano essere bloccati. Perché non sono stati fermati? Provate a vedere che cosa è diventato da allore Anonymous….che li sa “lavorare” bene adesso…

Bitcoin? Ci pagavano così molti businnesmen delle multinazionali per fare competition. Adesso no.Accettiamo solo pagamenti regolari. Dobbiamo rigare dritto noi, chiedete invece a quelli che in Russia, in Ucraina, in Cina, negli States e in Bulgaria fanno giochi sporchi ancora, Qui scoppia tutto e l’anarchia era un bel gioco ma con quello che accadendo in tutto il mondo…Beh, di nuovo ti chiedo, che gioco stanno facendo i francesi di Anonymous o quelli come loro in Italia, in Francia, in Australia e cose così?

No, gli hacker sono sempre di più, difficile combatterli perché adesso loro sono sia sulla strada che sull’Hard web. utilizzano come Lazarus (gruppo di cybercriminali del Nord Korea, ndR) moltissimi ransomware e criptovalute. Rubano segreti industriali e formule con lo spear-pishing. Sai perchè ad un certo punto molti di noi hanno cambiato asse, cioè cross the aisle? Perché dietro le gang di hacker ci sono Stati-hacker. Il gioco è troppo grande. Quando noi a Las Vegas abbiamo dimostrato che una ragazzina di 12 anni in 20 minuti ha bucato le macchine elettoriali, dimostrando che Trump aveva vinto anche per questo….beh, abbiamo capito.

il peggio? Forse deve venire. I vostri black bloc sono sempre più pagati. Organizzati. No vax, no questo, no quest’altro, è una cosa continua, in Us li chiamano i neonazi, sono negazionisti anche di sette religiose fanatiche, assassini, anarchici. Conoci chi ha i video della vostra Meloni in contatto molto stretto con i neonazi più fanatici? Io ero anarchico ma non come intendono loro, un mix di anarchoidi e fascisti. Guardatevi dai black bloc sono pieni di soldi e non sono giovani, di media età, vogliono il casino e usano molto bene il Dark.

Mi domandi delle mafie. Certo, è sottinteso ma tutto è mafia e niente lo è. Sono sette ormai, lavorano insieme ai neokatechumenat sekta,a sette religiose sempre più diffuse, il dollaro, il dollari: Trula, Equation Group ricchissimo, Sandworm. Ripeto Anonymous e Black Bloc. Pagati, organizzati e protetti, entrano nelle manifestazioni e le polizia e simili non devono fermarli.

Share Button

Lascia un commento