Dalle lavatrici gigantesche quantità di microplastiche negli oceani

L’ inglese APPG, All-Party Parliamentary on Microplastics ha pubblicato in questi giorni il suo primo rapporto, che contiene importanti raccomandazioni chiave per il governo sull’inquinamento da microplastiche.

Il rapporto è supportato da un gruppo di parlamentari interpartitici e da oltre venti organizzazioni tra cui importanti accademici, produttori globali di lavatrici e gruppi ambientalisti.

L’Associazione inglese dei produttori di elettrodomestici (AMDEA), che ha lavorato a stretto contatto con l’APPG sulle microplastiche, ha accolto con favore il rapporto, affermando che i produttori di elettrodomestici si impegnano a mitigare l’impatto delle microfibre che vengono rilasciate dai tessuti durante il lavaggio e sottolineando che si tratta di un problema globale “che richiede soluzioni armonizzate”

Secondo la Marine Conservation Society, a livello globale, vengono utilizzate più di 840 milioni di lavatrici domestiche e durante ogni lavaggio le microfibre vengono perse dai nostri vestiti. Solo nel Regno Unito, ogni settimana vengono rilasciate almeno 9,4 trilioni di fibre dal lavaggio, molte di queste finiscono nell’oceano e sulle nostre spiagge.

All’inizio di quest’anno la società ha affermato che i governi del Regno Unito dovrebbero introdurre una legislazione che imponga ai produttori di lavatrici di installare filtri in microfibra su tutte le nuove macchine domestiche e commerciali entro il 2023 e su tutte le macchine commerciali dotate di filtri in microfibra entro il 2024.

“L’avvento di soluzioni tecnologiche, in particolare l’installazione di filtri all’interno delle lavatrici, può impedire alle microfibre di entrare nelle acque reflue e infine nell’oceano”, ha affermato la Società. Occorre al più presto Identificare soluzioni sostenibili; Francis Thomas, Technical Officer di AMDEA, ha dichiarato: “I produttori di elettrodomestici stanno dedicando le loro competenze ingegneristiche e la vasta esperienza del comportamento degli utenti per identificare una gamma di soluzioni efficaci e sostenibili che siano pratiche da usare e convenienti per le famiglie. “Ciò richiede anche la definizione di standard prestazionali internazionali per le lavatrici, basati su una solida scienza e rigore tecnico”.I prerequisiti da soddisfare sono innazitutto soluzioni replicabili a livello internazionale, che riflettono la natura globale della ricerca e sviluppo e della produzione di elettrodomestici.Occorre predisporre inoltre misurazioni delle prestazioni che consentono test di sorveglianza accurati, tecnologie che mantengono gli attuali elevati standard di efficienza energetica e idrica delle lavatrici e consentono ulteriori progressi su questi risparmi. All’IFA 2019, Arçelik, capogruppo di Beko, ha presentato “una nuova tecnologia destinata a trasformare il modo in cui le lavatrici attualmente filtrano le microfibre” e ha introdotto la prima lavatrice al mondo con un sistema di filtrazione in microfibra sintetica integrato, che impedisce al 90% delle microfibre di entrare nel fonti d’acqua tramite una scatola di filtrazione nel cassetto del detersivo che filtra l’acqua prima dello scarico.

Share Button

Lascia un commento