Dall’Ucraina, questi i reali rapporti di forza tra russi e ucraini

Flavio Pagani, uomo d’affari e di relazioni internazionali, si trova attualmente in Ucraina per ragioni di lavoro e da qui ha accettato di inviarci brevi report dal fronte degli scontri tra russi e ucraini. Pagani ha operato come project manager e broker per forniture industriali e agricole per conto di privati e governi. Ha vissuto e lavorato in Asia, Africa, Medio Oriente, Russia e Est Europa diventando un profondo conoscitore dei problemi e della realtà sociale, economica e politica di queste aree dove conta relazioni di alto livello sia governative che private. Ed è profondo conoscitore anche delle opposte forze in campo attualmente impegnate in Ucraina. Ecco il primo rapporto che pubblichiamo, sottolineando che si tratta di informazioni di origini militari e politiche riservate e ovviamente molto affidabili.

Di FLAVIO PAGANI-Quali sono oggi i fronti operativi in Ucraina? Diventa prioritario conoscere con precisione dove si stanno muovendo le forze in campo. Il primo fronte è Kiev, poi c’è il fronte Nord di Kharkov, quindi il Nord Est di Luhansk (Donbass), il Sud Est-Donestsk-Mariupol (Donbass) e il fronte Sud Ovest (Kherson, Mikolayv, Odessa). Gli sviluppi più recenti sul fronte ucraino hanno indicato che la pausa tecnica presa dalle forze russe e alleate è terminata. L’evacuazione di massa dei civili dalle città delle regioni orientali e centrali del Paese è fallita. Oggi, in molte città, l’evacuazione è possibile solo dopo che le truppe russe hanno preso il controllo strada per strada come sta accadendo a Mariupol . Le battaglie principali continuano in prima linea nel Donbass dove le Forze Armate Russe, proseguendo l’offensiva da sud est hanno raggiunto la zona Taramchuk , vicino a Donestsk con un’avanzata di 11 chilometri. (Fronte Sud Est). Il raggruppamento di truppe della Repubblica Popolare di Lugansk, dopo aver precedentemente bloccato Severodonetsk dalle direzioni orientale e meridionale, sta combattendo contro i nazionalisti alla periferia nord-orientale della città (Fronte Nord Est).) Si va a configurare un accerchiamento delle truppe ucraine nel Donbass che il 25 febbraio 2022 vedeva schierati 125.000 uomini delle forze armate regolari oltre a 200.000 tra riservisti, milizie e guardia nazionale ( il 50% delle truppe ucraine disponibili). Il 14 marzo, verso le 11:30 ora di Mosca, 4 missili tattici Tochka-U sono stati lanciato contro la città di Donetsk da Kramatorsk nel territorio controllato da Kiev; 3 sono stati abbattuti dai sistemi antimissili russi, mentre un quarto ha colpito, con una testata a grappolo il centro di Donetsk dove sono morti 20 civili e altre 28 persone, compresi bambini, sono rimaste gravemente ferite e portate in strutture mediche.

Share Button

Lascia un commento