I VIP DI TUTTO IL MONDO AMANO IL MADE IN ITALY DELLA CASA

C’erano tutti ma proprio tutti qualche settimana fa all’esclusivo party della celebre famiglia Karadshian, al centro delle cronache rosa e dei gossip di New York, e gli ospiti, tpersonaggi famosi, del jet set e della politica, dello sport e della finanza, hanno ricevuto in regalo un……. tostapane SMEG, non quello pur sempre bello della serie anni 50, ma quello, firmato Dolce&Gabbana, costoso, inconfondibile e ispirato ai colori e alle tradizioni decorative dei carretti siciliani e in generale all’arte e all’artigianato dell’isola. Ce lo ha riferito l’informatissimo HFN Magazine, entusiasta dell’iniziativa che pare sia piaciuta a tutti gli ospiti. Ma è tutto il made in Italy della tavola, come i clamorosi piccoli elettrodomestici rivestiti di cristalli, di Bugatti Casa e i casalinghi Alessi, e della cucina come le grandi scintillanti cucine Bertazzoni, a essere da qualche anno l’oggetto preferito per i regali e l’arredamento delle cucine, considerati “oggetti” da collezione. Il Vippaio internazionale ma anche giornalisti, finanzieri, manager, casalinghe straricche e architetti di grido sono ammiratori e compratori del made in Italy della casa. “Vuol sapere qualche personaggio famoso? “Non saprei da dove cominciare-racconta” Andrea Gullo, managing director della Officine Gullo, stratosferiche costose apparecchiature professionali per la cucina di lusso, un trionfo di smalti, rame, acciai, bronzi, cristalli, di sapiente artigianato hi tech, come solo noi italiani sappiamo fare. “Direi che in generale sono clienti nostri gli sceicchi…” Proprio così, nell’elencare i compratori appassionati del nostro design, Andrea Gullo elenca personaggi come lo sceicco del Qatar, di Dubai e in generale dei Paesi Arabi, come fossero clienti “normali”. Le cucine Gullo si trovano anche nei palazzi della la famiglia reale “allargata” Al Saoud, più nota come la dinastia che regna in Arabia Saudita, così come nelle case di David Beckham e consorte, nelle ville di George Clooney e altre star. Un’altra firma italiana della cucina di grande glamour è Gaudio che propone ogni volta solo soluzuone su misura speciali, sia i mobili che gli elettrodomestici, con soluzioni per tutti gli spazi residenziali, di hotel, luoghi pubblici e yacht. E che ha esposto alla Triennale di Milano, anni orsono, una splendida e raffinatissima collezione. Anche Gaudio vanta come clienti ricchissime personalità degli Emirati Arabi ma è soprattutto gli oligarchi russi, i ministri di Putin, i miliardari dell’Est e dell’Ovest Europa e della Cina che da anni scelgono le collezioni Gaudio per i palazzi, le ville gli yacht. Anche Abimis, uno dei brand della cucina di derivazione professionale più raffinati oggi presenti nell’ambito del lusso e della massima qualità, vanta clienti del Vippaio mondiale. Abimis rappresenta qualcosa di diverso poiché è una sintesi -tra mobili e elettrodomestici- di design contemporaneo molto rigoroso, molto hi tech grazie anche all’impiego dell’acciaio speciale che pochi sanno lavorare come Abimis. E per consegnare capolavori di cucine che -immaginiamo- siano di costo non definitbile, che cosa sono capaci di inventare quando devono, per esempio, raggiungere gli appartamenti ai piani alti di grattacieli di lusso? E’ accaduto che abbiano affidato, anche più volte, addirittura ad un elicottero il delicato compito di portare la preziosa “merce” al fortunato cliente. E poi quando attori, calciatori, oligarchi, sceicchi, miliardari e altri vip, aprono a invitati vip come loro la residenza per pranzi e cene importanti, chi cucina? Non la padrona o le padrone di casa (come sarebbe per gli sceicchi) ma chef stellati con il contorno di uno staff adeguato. Chef che poi si innamorano di questi capolavori italiani e ne diventano i primi ambasciatori in tutte le occasioni e in tutti i programmi tv di cucina.

Share Button

Lascia un commento