Aiuto, c’è una telecamera volante che mi segue

1-Ring-MoonSI

 

In realtà non sarebbe di per sé un evento sensazionale perchè, grazie alla funzione motion detection, qualsiasi telecamera-security di ultima generazione fa il suo dovere, “segue” cioè con l’obiettivo chiunque, muovendosi in un ambiente, provochi la reazione immediata dei sensori di presenza e di visione. Ma questa –Moon della società 1-Ring- che l’autorevole Hiddenwires ci segnala, in realtà è una telecamera volante, galleggiante nell’aria grazie a quel fenomeno di levitazione magnetica le cui applicazioni il Sole24Ore segnalò per prima qualche anno fa. Brevetto di due studiosi danesi, questosistema di attrazione/respingimento magnetico consente di far galleggiare nello spazio oggetti anche di peso consistente. In questo caso si tratta di una vera telecamera IoT, supportata dalla piattaforma on line di crowdfunding Indiegogo e già in vendita; è compatibile con qualsiasi protocollo di smart home, vigila a 360 gradi, è senza fili, con sensori di temperatura, umidità, luce e Co2. Dotata di 3 speciali microfoni che abbattono i rumori, grazie alla funzione di sound e motion detection è in grado di captare con una velocità straordinaria qualsiasi evento potenzialmente a rischio. Ovviamente governabile in remoto da device mobili o fissi (soprattutto smartphone), è brandeggiabile. Il che significa che è possibile -o sarà possibile a breve- che, guardando a distanza, fuori o dentro casa, l’ambiente dove si trova la telecamera, una volta che qualcuno entra, si può… fargliela apparire all’improvviso davanti. Con quale scomposta reazione del ladro si sa, perché il maggior nemico del malvivente è l’imprevisto. Un bel videogioco, a protezione della casa e delle persone. E che ha avuto un precedente nell’enterteinment, quando LG al CES di Las Vegas ha presentato uno speaker flottante.

Share Button

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>