Ariston combatte i cambiamenti climatici per favorire l’Unione tra i popoli

 

 

 

C’è aria di cambiamenti in giro, in tutto il mondo, e anche molte società private hanno compreso che stiamo entrando nel periodo più difficile per il nostro pianeta, per l’umanità. Ecco che Ariston, del Gruppo Ariston Thermo, in occasione della Giornata Internazionale della Pace (21 settembre), ribadisce il proprio impegno con Ariston Comfort Challenge. Con questo progetto, nato per portare il comfort anche dove sembra difficile o impossibile -dichiara l’azienda- Ariston sostiene alcune ricerche che si svolgono in Groenlandia sull’impatto dei cambiamenti climatici.

Questo è il comunicato dell’azienda che con grande piacere ospitiamo in questo blog, per ricordare anche che non basta la mobilitazione di un giorno. Ora o mai più. La piccola Greta ha ragione di criticare duramente istituzioni pubbliche e private per il gravissimi ritardi e i comportamenti colpevoli che ci hanno portato all’immane tragedia appena iniziata. Ecco perché crediamo che abbiamo il dovere di dare spazio, voce e rilievo a qualsiasi iniziativa -reale- sia intrapresa per aiutare gli uomini e le donne di buona volontà.

In occasione della Giornata Internazionale della Pace del 21 settembre dalle terre ghiacciate dell’isola di Disko, al largo della costa della Groenlandia occidentale, risuona l’allarme di un team di scienziati guidato dal professor Morten Rasch (Dipartimento di Geoscienze e Gestione delle Risorse Naturali dell’Università di Copenaghen) e parte del progetto Ariston Comfort Challenge: nei prossimi 100 anni, le temperature locali aumenteranno di almeno 5 ° C e di 10 ° C nella peggiore delle ipotesi. Un dato che merita grande attenzione, considerando che la zona artica si posiziona al primo posto tra i luoghi maggiormente influenzati dai cambiamenti climatici.

Queste mutazioni rappresentano tangibili minacce non solo verso il Pianeta, ma anche nei confronti dei suoi abitanti. La pace e la sicurezza internazionali sono infatti in pericolo perché le catastrofi naturali sono in grado di provocare il triplo delle vittime rispetto ai conflitti, costringendo milioni di persone ad abbandonare la propria casa per cercare sicurezza e stabilità altrove. Per queste ragioni, Ariston – il brand principale e più internazionale del Gruppo Ariston Thermo – ha sviluppato in Groenlandia Ariston Comfort Challenge, un grande progetto pensato per rendere confortevole il lavoro di un team internazionale di scienziati guidato dal professor Rasch e impegnato negli studi sul clima. È stata infatti costruita una casa modulare innovativa e sostenibile (Ariston Comfort Zone), il cui riscaldamento è generato dall’ elevata efficienza della caldaia a condensazione Alteas One NET. Questo prodotto testimonia come la tecnologia dei prodotti Ariston sia in grado di lavorare efficacemente anche in condizioni estreme e ostili, garantendo un livello di qualità superiore. Grazie ad Ariston Comfort Challenge gli scienziati hanno la possibilità di andare avanti con i loro importanti studi e ricerche sugli effetti dei cambiamenti climatici anche nella stagione invernale, beneficiando del calore di un ambiente riscaldato dalla tecnologia di Ariston. Chiunque può poi contribuire alla salvaguardia dell’ambiente e di conseguenza della pace mondiale compiendo scelte consapevoli all’interno della vita di ogni giorno: essere coscienti della propria impronta di carbonio e dell’impatto che ognuno di noi genera sulla Terra e scegliere di conseguenza soluzioni altamente efficienti e rinnovabili rappresenta la giusta via per un miglioramento delle condizioni ambientali. Non esiste, infatti, un secondo Pianeta e ogni azione è importante al fine di garantire un presente e un futuro di pace alle generazioni future.In occasione di questa importante giornata, anche le Nazioni Unite hanno lanciato il proprio grido di allarme chiamando a raccolta tutta la popolazione mondiale e chiedendole di agire attivamente per contrastare i cambiamenti climatici.

Gli obiettivi per un mondo migliore sono raggiungibili ma sono necessarie decisioni, volontà e politiche di trasformazione affinché tutti i popoli possano vivere in Pace e in simbiosi con l’ambiente” – ha affermato il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres. Rispetto per l’ambiente, impegno verso le generazioni future e volontà di rendere la vita delle persone confortevole, anche se in condizioni difficili, sono gli obiettivi che Ariston si propone di raggiungere e sono fonte di motivazione continua per il lavoro del brand. 

Share Button

Lascia un commento