La città più ricca in Cina? Shanghai

Quattro comuni direttamente poste sotto il governo centrale e cioè Shanghai (n. 1), Pechino (n. 2), Chongqing (n. 5) e Tianjin (n. 10) figurano nella top 10 città con il PIL più elevato. Seguono cinque città sub-provinciali: Shenzhen ( N. 3), Guangzhou (n. 4), Wuhan (n. 7), Chengdu (n. 8) e una città a livello di prefettura di Suzhou (n. 6). Geograficamente parlando, sette città si trovano nella Cina orientale, di cui tre nella regione del Delta del fiume Yangtze, due nella regione del Delta del Pearl River e due nella regione di Pechino-Tianjin-Hebei.

Quattro città di primo livello, vale a dire Shanghai, Pechino, Shenzhen, Guangzhou, hanno mantenuto le prime quattro posizioni in classifica, Shanghai e Pechino, in particolare, sono molto più avanti rispetto alle altre.

Il PIL di Shanghai nel 2019 ha registrato 3,82 trilioni di yuan (542,89 miliardi di dollari), con un aumento del 6% su base annua, secondo l’Ufficio statistico di Shanghai. Le statistiche hanno mostrato che gli investimenti di Shanghai nel settore manifatturiero sono cresciuti del 21,1 percento di anno in anno grazie a una serie di importanti progetti di produzione tra cui nuovi veicoli energetici e ITC.

Il PIL di Pechino nel 2019 ha visto una crescita del 6,1 per cento rispetto all’anno precedente a prezzi comparabili, attestandosi a 3,54 trilioni di yuan.

Due delle principali città di livello sub-provinciale, Shenzhen e Guangzhou hanno registrato un PIL di 2,69 trilioni di yuan e 2,36 trilioni di yuan nel 2019. È interessante notare che dal 2016 Guangzhou è stata sostituita da Shenzhen come terza città economicamente più forte, un posto Guangzhou ha mantenuto dal 1989. Nel 2019, il divario del PIL tra i due si è ampliato a 329,84 miliardi di yuan.

Inoltre, la quinta città più forte di Chongqing sta inseguendo da vicino Guangzhou. Peng Peng, presidente esecutivo del Guangdong Research Institute for Structural Reform, ha dichiarato, dato il numero di società high-tech, società quotate, le prime 500 imprese e gli indicatori più importanti, Guangzhou ha avuto un divario piuttosto ampio con Shenzhen, in particolare nel settore dell’alta e della nuova tecnologia , dove Guangzhou non era a corto di numero di imprese, ma non poteva e non può contare su giganti leader come Huawei e Tencent a Shenzhen.

Entro il 2020 o il 2021, il PIL di Chongqing supererà probabilmente anche Guangzhou, poiché Chongqing ha un’area più ampia con oltre 30 milioni di abitanti pari a una provincia di medie dimensioni.

Nella Cina centrale e sud-occidentale, Wuhan e Chengdu sono in stretta concorrenza, con un PIL simile. Dal 2016 al 2018, il PIL di Chengdu è stato leggermente superiore a quello di Wuhan, ma nel 2019 Wuhan ha ceduto a Chengdu.

Ding Changfa, vice professore alla Ximen University, ha affermato che la Cina ha inaugurato l’era dello sviluppo di “capitali forti”.in grado di attirare risorse finanziarie, culturali e socio-economiche di enormi proporzioni.

Share Button

Lascia un commento